Prendere l’aereo? Missione possibile!

Abbiamo parlato dei servizi che consentono a tutti di viaggiare senza problemi in treno. E se optassimo per una meta più lontana, da raggiungere in aereo?

Nessun problema neanche lì! Che si viaggi da soli o in compagnia di qualcuno (se adulto e in buona salute, potrà fungere da accompagnatore), in Italia o all’estero, ormai tutte le compagnie aeree offrono il servizio di assistenza a disabili, anziani, famiglie con bambini, minori non accompagnati, etc. Qui parleremo solo della cosiddetta “assistenza speciale“, ovvero il servizio riservato a disabili (fisici o sensoriali, sia che la disabilità sia transitoria – ad esempio, conseguenza di un incidente o di un intervento chirurgico- che definitiva) ed anziani.

Come richiederlo? Le modalità variano a seconda della compagnia aerea: per telefono, sul sito via chat dopo la prenotazione o, ancora, flaggando l’apposito box durante la prenotazione stessa. In ogni caso, il servizio è sempre assolutamente gratuito. Perciò, perché non approfittarne?

I vettori sono tantissimi, per cui evito di fare “pubblicità occulta”: potete trovare tutte le indicazioni direttamente sul sito di quello con il quale sceglierete di volare.

Quanto a me, in questo post mi limiterò a darvi qualche consiglio su come richiedere il servizio, frutto di circa quattro anni d’esperienza diretta nel campo, visto che viaggio varie volte l’anno in aereo, per lavoro o turismo.

flight

  1. Pensateci per tempo! In caso di emergenza -e se il volo sul quale volete viaggiare non è al completo- il servizio di assistenza può essere richiesto anche al momento del check-in, ma tutte le compagnie aeree consigliano di richiederlo almeno 48 ore prima della partenza, con le modalità di volta in volta indicate sui loro siti web. Inoltre, se avete subito da poco un intervento chirurgico o avete una patologia che potrebbe non essere del tutto compatibile col volo, assicuratevi di portare con voi, in aeroporto, il MEDIF (Modulo d’Informazioni Sanitarie per Viaggi Aerei), che dev’essere compilato dal medico curante non oltre 7 giorni prima del viaggio. Si tratta di un documento nel quale il medico, indicando la patologia dalla quale è affetto il viaggiatore ed esprimendo parere favorevole (o sfavorevole) rispetto al viaggio in aereo, solleva il personale di bordo e la compagni aerea da ogni responsabilità, nel caso in cui insorgessero, durante il viaggio, problemi legati alla patologia stessa. Se state programmando le vacanze estive, quindi, organizzatevi in anticipo!
  2. Il giorno della partenza, arrivate in aeroporto con almeno 90 minuti d’anticipo rispetto all’orario del decollo del volo: in questo modo, il personale incaricato potrà garantirvi l’assistenza richiesta, sia all’interno dell’aeroporto che a bordo dell’aeromobile (se necessario).
  3. Cambiate la prenotazione, magari perché avete deciso di fermarvi per più tempo nella località che state visitando o, per qualsiasi ragione, dovete partire in anticipo? Ricordatevi di contattare il servizio di assistenza, per accertarvi che la modifica sia stata notificata anche a loro ed evitare brutte sorprese…
  4. Utilizzate una sedia a rotelle, delle stampelle o altri ausili e/o presidi (ad esempio, ossigeno)? Fatelo presente quando richiedete l’assistenza, in modo tale che il personale sia già pronto a gestire il vostro caso nel modo migliore.
  5. Avete bisogno di un cane-guida o di un altro animale che faccia da sostegno emotivo? Tranquilli: l’animale potrà viaggiare tranquillamente in cabina insieme a voi (senza bisogno di acquistare il biglietto anche per lui e senza restrizioni di peso), a patto che avvisiate per tempo la compagnia aerea (nel caso di animale che faccia da sostegno emotivo, dovrete farvi rilasciare dallo specialista un certificato che spieghi perché ne avete bisogno) e vi assicuriate che l’animale non disturbi gli altri passeggeri o il personale di bordo durante il volo.
  6. Durante il volo avrete bisogno di assumere dei farmaci? Anche in questo caso, potete portare a bordo la quantità che vi serve durante il viaggio, presentando ai controlli di sicurezza un certificato medico risalente a non più di 30 giorni prima della partenza, che illustri chiaramente quantitativi e modalità di assunzione degli stessi. Se vi serviranno aghi (normalmente vietati a bordo), dovrete avvisare il personale di bordo prima del decollo.

Tenete presente che, a seconda delle vostre esigenze e del tipo di aeromobile, le compagnie aeree prevedono delle limitazioni al numero di “assistenze speciali” presenti sul singolo volo: non si tratta di cattiveria o mancanza di sensibilità, ma, semplicemente, di un’ulteriore garanzia ai passeggeri di un livello di servizio idoneo alle loro esigenze. A bordo, infatti, vi sono, solitamente dei posti generalmente destinati a questi passeggeri (che, per motivi di sicurezza, non possono  sedersi, per esempio, in prossimità delle uscite di sicurezza), il cui numero varia a seconda della grandezza dell’aeromobile. Perciò, ecco un altro motivo -validissimo- per non aspettare l’ultimo minuto!

Avete bisogno di altre informazioni? Consultate il sito dell’ENAC o quello della compagnia aerea con la quale viaggerete!

Un pensiero su “Prendere l’aereo? Missione possibile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *