Diverse abilità e lavoro: il “collocamento mirato”

Nel corso degli anni, sono state emanate molte leggi per favorire l’accesso delle persone disabili al lavoro, con la possibilità di svolgere attività compatibili con la loro capacità lavorativa residua. Tra tutte, la più famosa e citata è la legge 68/99, che disciplina, per l’appunto, il cosiddetto collocamento mirato, non solo delle persone disabili (tra quelle che, comunemente, vengono definite “categorie protette” non rientrano solo i disabili, ma anche orfani e vedovi di guerra o del lavoro, profughi e vittime del terrorismo o della criminalità organizzata). La normativa prevede, per le aziende con un numero di dipendenti superiore a 15, l’obbligo di assumere anche lavoratori con disabilità (in numero proporzionale al totale dei dipendenti), scegliendoli tra quelli inseriti nelle liste in questione. Ma come fare ad avere accesso a questo (piccolo) vantaggio?

ufficio

  1. Per prima cosa, è essenziale essere in possesso del certificato attestante l’invalidità e della relazione conclusiva, un documento redatto dalla stessa commissione medica che certifica l’invalidità e che ha lo scopo di dettagliare la capacità lavorativa residua della persona e le mansioni per le quali è idoneo. Per richiedere l’uno o l’altra, potete fare riferimento al sito dell’INPS.
  2. Poi, recarsi presso il Centro per l’Impiego competente per la propria zona, portando con sé, oltre ai due documenti di cui sopra, la carta d’identità e il codice fiscale.
  3. Non è necessario esibire attestati relativi a titoli di studio e qualifiche professionali: è sufficiente l’autocertificazione.

Una volta inseriti nell’elenco provinciale, si verrà contattati in caso di opportunità idonee. Appena si inizia un rapporto di lavoro, si viene cancellati dall’elenco (in quanto non più disponibili): se quel rapporto di lavoro si conclude, è, quindi, necessario ripetere l’iscrizione, ma, per farlo, bastano pochi minuti!

Nelle prossime settimane, analizzeremo insieme i servizi privati (in particolare, i siti specializzati) che favoriscono l’accesso delle persone disabili al mondo del lavoro.

 

 

19 pensieri su “Diverse abilità e lavoro: il “collocamento mirato”

  1. Samoila Georgiana Iuliana ha detto:

    Sono invalida la mia invalidità non è completa sono 100/100 autonoma abito da sola ho 29 anni sono di origine romena e sarò contentissima di trovare un lavoro.Aspeto una vostra risposta. Grazie mille.

    • Move@bility ha detto:

      Ciao! Come specificato nella pagina iniziale della sezione “Lavoro”, questo sito non offre questo tipo di servizi (per questo, esistono i Centri per l’Impiego e le società di ricerca di personale, sia generaliste che specializzate nelle categorie protette). Trovi solo informazioni su come cercarlo e consigli per affrontare i colloqui. In bocca al lupo per la tua ricerca!

    • Sabino ha detto:

      Invalido 100% con totale inabilita’ al lavoro .
      Da Novembre 2016 .
      Percepisco solo l’assegno di invalidita’ civile , di
      € 287 , escluso quello di inabilita’ per mancata contribuzione , mia moglie lavora a giornata come colf
      E’davvero difficile sbarcare il lunario , spero che qualche offerta di lavoro arrivi al piu’ presto , dopo che avro’ consegnato tutta la documentazione all’ufficio dell’impiego .
      Grazie !

  2. Massimo ha detto:

    Salve sono un invalido civile 75 per cento con die terzi di handicap sono i scritto alla categoria protetta da circa quattro 6 anni ma non tutto oggi nonno avuto una opportunità di lavoro o una famiglia due bambini com’è posso sapere se mi chiamano per un lavoro soffro di una brutta malattia depressione però quando lavoravo stavo bene prendo parecchi farmaci siamo dissocupati io e mia moglie andiamo alle cartis siamo stanchi ………. poi volevo dire una cosa sono stato presso dalla regione puglia di bari una domanda cantieri di cittadinanza Regione Puglia si chiama o fatto tutto quello che mi anno chiesto esami del sangue corso di sicurezza firmato contratto ecc…. mi anno presso in giro azienda asipu di Corato sono andato all’ufficio collegamento di lavoro o risultato a lavorare per sei mesi allasipu però io nonno ne lavorato ne avuto un EURO sei mesi la domanda cantieri di cittadinanza fatta dal 2016 mi sono sentito male di questa cosa mi anno rubato i miei soldi che potevo comprare qualcosa ai miei figli nonne giusto se ce qualcuno che mi puo aiutarmi la ringrazio anticipatamente

    • Move@bility ha detto:

      Salve, Massimo
      Mi dispiace per la sua situazione. Purtroppo, non sono in grado di aiutarla. Posso, però, consigliarle di segnalare il suo caso alla sede locale dell’ANMIC (ce n’è una in ogni capoluogo di provincia), per avere un consiglio qualificato su come far valere le sue ragioni. In bocca al lupo!

      • Concetta Ringoli ha detto:

        Signor Massimo provi a rivolgersi al Sindacato con un avvocato del lavoro con patrocinio gratuito. Le auguro buona fortuna.

    • Move@bility ha detto:

      Buongiorno, Stephen. Come specificato sulla pagina principale della sezione “Lavoro”, Move@bility non offre questo tipo di servizi. Ti invito, quindi, a rivolgerti ad un’azienda autorizzata: alcune sono indicate anche su questo sito. In bocca al lupo!

  3. elena albertini ha detto:

    sono una “diversamente” abile ma non ho preclusioni importanti per il lavoro; le mie competenze si sono sviluppate nella ristorazione anche come gestore di un agriturismo ma una forma di artrosi alla spalla destra mi impedisce di fare sforzi pesanti e continuativi; sono altresì diplomata in ragioneria, ho svolto lavori di segreteria e guardanìa, sono agente immobiliare ma accetterei qualsiasi lavoro purchè non troppo faticoso; sono libera da impegni familiari, non ho problemi a lavorare il pomeriggio/sera, nei giorni festivi e alla domenica, automunita.

    • Move@bility ha detto:

      Salve, Elena. Ti invito ad iscriverti (se non l’hai già fatto) ad uno dei siti consigliati nel post “Lavoro: dove lo trovo?”, che trovi in questa sezione di Move@bility. In bocca al lupo! 🙂

  4. Martina ha detto:

    Sono Martina sono invalida al 70 di percentuale ho lavorato nell’abbigliamento di ciclismo 14 anni ho svolto qualche lavoro di volontariato ho fatto un corso segreteria di base fronte Office dopo 8 anni per assistenza prestata con fatica ai miei genitori. Vorrei poter lavorare ho 45 anni sono Veneta vicino a Castelfranco Veneto.

    • Move@bility ha detto:

      Ciao Martina,
      Ti sei già iscritta nelle liste per il collocamento mirato del tuo Comune di residenza? Inoltre, inserisci il tuo cv su siti specializzati nelle offerte di lavoro per categorie protette (es. Jobmetoo o Categorieprotetteallavoro).
      In bocca al lupo!

  5. Said khailat ha detto:

    Buonasera a tutti , sono in possesso del verbale definitivo come invalido civile con una percentuale d’invalidità che supera il 74% per questo percepisco un piccolo assegno mensile di quasi 275 euro , oggi sono andato a patronato per chiedere come si fa ad avere il certificato medico che attesti che la mia invalidità non mi ostacola nell’ambiente di lavoro , il signore del CAF MI HA DETTO DI FARMI RILASCIARE UN CERTIFICATO TELEMATICO DAL MIO MEDICO DI FAMIGLIA …. MA IL MIO MEDICO DI FAMIGLIA MI HA DETTO CHE NON SA NULLA È COME SI FA QUESTO CERTIFICATO …. MI POTETE AIUTARE GENTILMENTE O STO SEMPLICEMENTE FACCENDO UN INCUBO CHE RIGUARDA LA BUROCRAZIA ITALIA A . VI COMUNICO CHE SONO CITTADINO ITALIANO DA 35 ANNI E OGGI CON IL PASSARE DEGLI ANNI MI SENTO INUTILE SENZA UN LAVORO O UNA OCCUPAZIONE ADATTA ALLA MIA SITUAZIONE DI SALUTE … GRAZIE MILLE

    • Move@bility ha detto:

      Ciao Said, ha ragione l’addetto del CAF. Per beneficiare del collocamento mirato, devi essere riconosciuto in stato di handicap e una commissione medica deve valutarti, per poter stabilire quanto tu sia idoneo a lavorare. Per questo, devi presentare richiesta tramite il sito dell’INPS e il tuo medico di base deve rilasciare un certificato telematico (che aggancerà alla tua richiesta sul sito INPS) che confermi la tua situazione fisica. Trovi maggiori dettagli qui: https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?itemdir=46046
      Puoi contattare l’INPS, andando direttamente alla sede più vicina o chiamando il numero verde, per tutte le informazioni.

  6. Lorenzo ha detto:

    Salve sono un disabile sul lavoro al 60% per amputazione avambraccio sx al terzo medio, sono iscritto al collocamento obbligatorio di catania da 20 anni ho 4 figli minori e vorrei dargli un futuro migliore di quello attuale.. sono disponibile a qualsiasi tipologia di lavoro e qualsiasi orario di lavoro.. grazie

    • Move@bility ha detto:

      Ciao Lorenzo,
      Puoi trovare offerte di lavoro riservate alle “categorie protette” su siti specializzati come Jobmetoo. Ti sei già iscritto? In bocca al lupo! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *