“La teoria del volo”: amicizia, amore, sesso e…disabilità

La teoria del volo” (titolo originale “The theory of flight“) è un film inglese del 1998, con due star del calibro di Helena Bonham Carter e Kenneth Branagh nei panni dei protagonisti principali: Jane, giovane donna affetta da una grave malattia neurologica degenerativa, e Richard, artista squattrinato con la mania del volo che finisce, per tutta una serie di circostanze,  per farle da assistente.

la-teoria-del-volo-jane

Il rapporto tra i due si sviluppa, per molti versi, secondo lo schema classico delle commedie romantiche: dopo un inizio contrassegnato da una certa diffidenza (in fondo, Richard deve assistere Jane come pena alternativa per un reato minore, non per propria scelta), i due scoprono di avere in comune molto più di quanto avrebbero pensato. Quello che distingue “La teoria del volo” da molti altri film dedicati al tema della disabilità è l’approccio diretto con il quale viene affrontato un tema che costituisce ancora oggi un tabù per molti: la sessualità delle persone disabili.

“A molte persone non piace camminare accanto a me”

“Già… Perché?”

“Perché implica amicizia”

Jane, infatti, ha un grande rammarico: che la sua malattia si sia aggravata prima che lei potesse vivere la “prima volta”. Sa che non le resta molto tempo da vivere e non vuole morire vergine, perciò chiede a Richard di aiutarla ad esaudire questo desiderio. L’uomo, pur con una certa riluttanza, si lascia convincere. Preparano questo “evento” in tutti i dettagli: una suite in un hotel di lusso, lei vestita e truccata di tutto punto, un gigolò bello e gentile. Ma il tentativo fallisce miseramente: sul più bello, Jane, sopraffatta dall’agitazione, ha una crisi di nervi e Richard, che nel frattempo è accorso in suo aiuto, la porta a casa propria.

la-teoria-del-volo-richard

Qui trova la sua ex, che non crede ai propri occhi e alle proprie orecchie quando, nel presentarle Jane, la definisce “la sua nuova ragazza” e dichiara di essere già stato con lei. Alla fine, i due realizzano i reciproci desideri, insieme: dopo un emozionante quanto breve volo col biplano costruito da lui (da qui il titolo del film), Richard e Jane finiscono realmente col fare l’amore.

la teoria del volo - locandinaLa teoria del volo” è una storia delicata, ma fortemente evocativa, che mostra come, in fin dei conti, i desideri delle persone disabili sono in tutto e per tutto uguali a quelli dei normodotati: amare ed essere amati, come persone, al di là dei propri limiti e difetti (e nonostante questi). Contrariamente a quanto lei stessa credeva, il desiderio di Jane non era tanto quello di vivere un’esperienza sessuale, quanto, piuttosto, di sentirsi amata in quanto donna. Ed è proprio questo che ottiene da Richard, al quale, in cambio, dona la gioia di condividere quella passione a causa della quale tutti lo considerano fuori di testa: il volo, che, in psicologia, è fortemente legato al desiderio di libertà, al superamento degli ostacoli e, per l’appunto, al sesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.